I Gay già lo sanno che li odi

I Gay già lo sanno che li odi

19 Novembre 2018 0 Di Ruel Franzese

Mi scuso da principio, non è mia intenzione accusare, ne giudicare. Non voglio far passare un messaggio povero di senso e significato, pertanto chiedo a te che leggi comprensione e un piccolo sforzo ad adattarti a quelle che sono le considerazioni di altri.
Ultimamente su internet ho visto scatenarsi il panico riguardo l’omosessualità, la molta disinformazione ha creato un pandemonio che ha confuso molti. Non mi ritengo l’onnisciente che chiarirà tutto ma quantomeno ci voglio provare.
Andiamo subito al sodo, il problema principale è questo: Ci sono due fazioni che combattono fra loro.
Abbiamo da un lato il mondo gay che ormai si è fatto spazio nel mondo vincendo su tutti quegli anni in cui l’omosessuale veniva considerato un reietto da molti, cristiani e non… dall’altro il mondo cristiano che difende i suoi principi morali seguendo i principi biblici istituiti da Dio stesso.
La battaglia fra i due dura da secoli e ora come non mai è arrivata a livelli disumani dove chi chiede comprensione denigra l’altro (e sto parlando di entrambe le parti).
Sulla terra ci sono sempre state ideologie differenti ma questo non giustifica il fatto che qualcuno possa permettersi di sminuire un altro.

Sono un ragazzo che fino a qualche anno fa aveva pensieri omosessuali e ritengo di aver cambiato il mio modo di pensare quando ho riscoperto le verità di Dio. Con questo non posso dire che le tentazioni non smettono di passarmi davanti ed ho costantemente il rischio di tornare indietro, ma qui si tratta più che altro di una decisione presa parlandone con Dio stesso.
Le chiamo tentazioni perché secondo ciò che è scritto nella bibbia l’omosessualità è uno dei tanti peccati che abbiamo nel mondo, che rattrista Dio.

Quindi cosa stiamo sbagliando?
Sbagliamo l’uno verso l’altro perché lottiamo con armi che servono solo a distruggere e non a curare.
Mi rivolgo per un attimo al mondo omosessuale soltanto: Come voi sono stato quel ragazzo che si è sentito chiamare abominio tutta la vita, ma ho preferito andare oltre e cercare il vero significato di quei versi, del perché a me che piacevano i maschi, doveva capitare una vita talmente disprezzata. Ho trovato una risposta, ho ricercato Dio senza badare alle accuse ed ho vinto. Mi sentivo sporco ed ora non più perché ho compreso che non mi giova a nulla considerarmi credente e comportarmi al contrario.
Onestamente il mio cuore si spezza quando leggo su internet quei botta e risposta di offese e credo che nessuna delle due parti meriti un trattamento simile; E’ vero che per anni i gay sono stati denigrati, maltrattati ed addirittura uccisi ma vi chiedo uno sforzo. Sono uno, un cristiano che non può essere considerato l’intero mondo credente, ma per quanto è piccolo il mio spazio nel mondo chiedo scusa per come siete stati trattati spesso con disprezzo.

Ora per parlare al mondo cristiano: I gay lo hanno capito che la loro vita non è conforme a quello che noi riteniamo giusto, se lo sono sentito dire per anni. E’ giusto, si, attestare la verità e condannare il peccato come è scritto nella Parola. Ma è altresì necessario farlo con rispetto e amore, come quello che pretendiamo da loro e sembriamo non ricevere. Abbiamo un esempio per eccellenza, Gesù. Lui condannava il peccato ma spendeva il suo tempo fra i peccatori, li perdonava e dava loro un altra possibilità, quella di redimersi. Perché non possiamo fare lo stesso? Perché dobbiamo vedere i gay come un nemico da combattere e non come persone da amare?
Se veramente riteniamo che Dio è onnipotente e può cambiare radicalmente la vita di un individuo chi siamo noi per condannarlo?

Credo in Dio, credo che ciò che è scritto nella bibbia è verità, perché scritta da ispirazione divina quindi è parola di Dio; perché l’ho testata e ri-testata sulla mia vita fino a scoprire che è reale ed i suoi fondamenti sono positivi per la mia vita, e quella di chiunque. Quindi si, io ritengo che, come è scritto nella bibbia, l’omosessualità è un peccato quindi me ne sono allontanato.
Ma voglio anche dire questo:
Chiunque tu sia, e qualunque ritieni sia il tuo orientamento sessuale, Dio ti ama e vuole cambiare la tua vita, portarla ad uno stadio superiore e finalmente renderti felice di averla vissuta, senza rimpianti, perché anche ciò che è stato doloroso sarà stato un pretesto per renderti forte!
Se senti di non stare bene, se senti buio attorno a te e stai riconsiderando quanto credi… c’è una via d’uscita ed è tutt’altro che umiliante!

“Gesù allora disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: «Se perseverate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».”
GIOVANNI 8:31-32